OKAY!

Nella prima decade del novembre 1990 – sì, l’anno dei Mondiali di Italia ’90 – ho vissuto una singolare ed irripetibile esperienza umana e professionale. Allora giovane giornalista, venni inviato dal quotidiano L’Eco di Bergamo dall’altra parte del mondo, a Macao e ad Hong Kong, in Cina, al seguito della squadra di Bergamo in gara nella edizione intercontinentale di Giochi senza frontiere, storica trasmissione dell’Eurovisione che per la prima volta visse una edizione “mondiale”, con la produzione Rai a cura di Luciano Gigante e la conduzione di Ettore Andenna e Feliciana Iaccio. Furono giornate indimenticabili, come si può facilmente immaginare. Quasi 14 ore di volo, con scali a Londra e Dubai, per poi atterrare ad Hong Kong sfrecciando tra i grattacieli della megalopoli…

Bergamo,a Macao,non solo rappresentò il proprio territorio,ma difese i colori dell’Italia, in quanto la squadra orobica aveva trionfato nelle fasi europee del teletorneo estivo…

View original post 1.346 altre parole