25 Febbraio 2019, Ore 19: presso la Sala Polifunzionale della Parrocchia e della Fondazione Santi Medici la presentazione del libro “A tavola con Papa Francesco”.

 

Continuano senza sosta gli incontri di presentazioni del volume “A tavola con Papa Francesco / Il cibo nella vita di Jorge Mario Bergoglio” di Roberto AlborghettiLibri Mondadori , già pubblicato in 14 Nazioni, tradotto in diverse lingue, Premio Selezione Bancarella Cucina 2018.

C’è viva attesa per la presentazione a Bitonto (BA), dove il libro sarà al centro di un incontro in programma domani, lunedi 25 Febbraio 2019, alle ore 19, presso la Sala Polifunzionale della Parrocchia e della Fondazione Santi Medici, promotori dell’incontro. Insieme all’autore, Roberto Alborghetti, interverrà don Vito Piccinonna, parroco. L’incontro vedrà la partecipazione del Coro dell’Istituto Comprensivo “Cassano – De Renzio”, diretto dalla dott.ssa Anna Bellezza. La formazione corale è diretta dalla prof.ssa Lucrezia Napoli, al pianoforte il prof. Antonio Mancazzo. L’ingresso è libero. La Parrocchia dei Santi Medici accoglie una devozione particolarissima e partecipatissima, quella ai Santi Cosma e Damiano. Ogni anno, sono decine di migliaia le persone che partecipano alle varie celebrazioni, affluendo a Bitonto da ogni parte d’Italia.

Il clima e i colori della religiosità popolare, spesso simboleggiati anche dal cibo e dalla mensa dei giorni di festa, sono anche custoditi tra le pagine di “A tavola con Papa Francesco”. Le sue 206 pagine – con copertina cartonata, oltre 200 fotografie, 36 ricette inedite – offrono anche una opportunità per riflettere sulla storia e sul pontificato di Francesco, il Papa che fin dall’inizio stupisce tutti con quell’augurio che poi esprimerà sempre nei giorni di festa: ”Buon pranzo!”. Attraverso documenti, testimonianze, ricerche d’archivio e aneddoti curiosi, Roberto Alborghetti indaga il rapporto tra un Papa e il cibo, ricostruendo tappe e momenti che hanno via via scandito un’intera vita, a partire dalle stesse “radici” familiari, che affondano in terra piemontese.

La pubblicazione delinea un itinerario cronologico illustrando il rapporto di Bergoglio con il senso religioso del cibo: dall’educazione ricevuta in famiglia a Buenos Aires fino ai giorni nostri, passando per gli incontri conviviali in giro per il mondo e i pasti consumati nella sala da pranzo comune in Casa Santa Marta, luogo nel quale il Santo Padre vive e lavora per gran parte della sua giornata.

Le pagine raccontano della straordinaria esperienza che il giovane Bergoglio visse nei cinque anni di studio che lo portarono al diploma di chimico dell’alimentazione, titolo ottenuto anche attraverso un periodo di lavoro presso un laboratorio di analisi alimentari in Buenos Aires. E poi, anche da rettore gesuita e da arcivescovo, non disdegnava di mettersi ai fornelli e cucinare per i confratelli di passaggio o per persone che bussavano alla porta in cerca di cibo. Anche da questi episodi nasceranno le sue riflessioni sull’importanza di un’alimentazione adeguata per tutti, di una distribuzione del cibo accessibile ai meno fortunati, dell’impegno contro lo spreco degli alimenti, perché il cibo buttato è sempre sottratto alla mensa di coloro che non hanno di che mangiare. Tutti temi, questi, che non mancheranno di essere trattati anche nell’incontro di Bitonto, rendendo questo appuntamento di grande attualità ed interesse.